danza e scuole di ballo
SPETTACOLI 12/5/2001
Firenze 10 Dicembre

ERSILIADANZA La mandria. Con tutto il corpo che c'è Balletto in tre atti e quattro quadri dall'omonimo poema di George Byron COREOGRAFIA e REGIA: Laura Corradi MUSICHE ORIGINALI: Enrico Terragnoli ASSISTENTE ALLA COREOGRAFIA: Giorgio Gobbi INTERPRETI: Marco Benedetti, Silvia Bertoncelli, Giovanna Gech, Giorgio Gobbi LUCI: Enrico Berardi, Francesco Piva Per la prima volta a Firenze, la Compagnia Ersiliadanza, mette in scena per il Florence Dance Festival l'inquietudine e il muoversi costante, l'evoluzione e la trasformazione, l'incapacità a capire il bisogno di fermarsi, tutti elementi della contemporaneità. Destabilizzante è constatare la non esistenza di un aspetto definitivo delle persone e delle cose, perché l'aspetto, lo stato, il carattere mutano nel tempo. Si modificano le relazioni: di sangue, d'amore, d'amicizia e di potere. E' così che cambiano le situazioni e le condizioni del nostro vivere, così che non ci si riconosce più, che niente e nessuno resta uguale a se stesso, che le figure si sformano e le ragioni si annebbiano. Il corso delle cose avanza nel tempo, per qualcosa che nasce c'è sempre qualcos'altro che scompare, per un uomo che resta in piedi ce n'è un altro che cade. Così tutto scorre e rovescia attorno ed è come stare in piedi su un mezzo in movimento. Per maggiori informazioni http://www.florencedance.org/2001/winter/eventi/lamandria.shtml
torna a elenco news